coop-volersi-bene-4

Qualche volta il corpo lo sentiamo inadeguato, ingombrante, una sorta di impiccio nei rapporti con gli altri, quelli che ci stanno più a cuore soprattutto.
In altri momenti il corpo si fa pretenzioso e, con i suoi segnali, insiste per ricevere cura e attenzione. E’ capace però di sorprenderci anche positivamente quando si avvicina e ci avvicina agli altri: sguardi, sorrisi, carezze, parole che crescono e fanno crescere. Quello che siamo e che diventiamo è fatto un po’ di tutto questo: di attenzioni riservate al nostro interno e di slanci di incontro o scontro con le cose, le persone, le situazioni previste e impreviste che ci troviamo a vivere.
E’ il processo “obbligato” che aiuta la costruzione della nostra identità: dell’io che sono proprio e solo io, una sorta di biodiversità sociale che si intreccia con quella biologica.
Questo movimento dentro e fuori di noi non avviene in solitudine ma all’interno di relazioni con compagni di strada anche molto diversi, per età, per genere per esperienza: coetanei e adulti che fanno da specchio e da supporto a questa costruzione, motivandola, rinforzandola, modellandola.
Molte delle scelte che compiamo, delle cure che riserviamo al nostro corpo, delle attenzioni che rivolgiamo agli altri, poggiano proprio su questa dimensione ad un tempo intima e sociale. Questo processo che riguarda tutti non è rinviabile né sostituibile, né arrestabile: cambia forma, senso, intensità. Per questo della scuola permanente della vita ci troviamo spesso a parlare.

Il percorso

Nei più piccoli, la conoscenza del proprio corpo e delle trasformazioni morfo-funzionali a cui è soggetto, la consapevolezza della propria identità corporea sono le necessarie premesse per un percorso educativo di tipo esperienziale che porti il bambino a prendersi cura della propria persona.
Raffigurare se stessi, la propria sagoma corporea a dimensione naturale su carta rappresenta dunque il primo passaggio.
Il percorso prosegue poi nell’area vendita dove ciascuno ricerca quanto è necessario per prendersi cura del proprio corpo ed in particolare dell’igiene dentale. Attraverso la spesa simulata si compiono scelte, si esercitano competenze che attengono anche al senso civico e alla responsabilità individuale. Si compiono esperienze che riconducono a stili di vita corretti e abitudini igieniche salutari.

Scarica e consulta i materiali del percorso “Volersi bene. Voler bene.”

Il Quaderno

volersi-bene_quaderno

La Guida

volersi-bene_guida