Quasi 10 anni di Scuola Digitale hanno sostanzialmente consolidato l’idea di un Digitale in Classe che segue la logica della LIM (schermo condiviso di grandi dimensioni), della Classe2.0 (strumentazioni in mano agli studenti per interagire condividere e collaborare), dell’uso strumentale di risorse e servizi 2.0 in rete, di “piattaforme”. Non sono traguardi raggiunti in tutte le scuole, ma la strada è in qualche modo segnata e molti esempi virtuosi sono già stati realizzati.

La proposta di ROBOCOOP nasce dall’idea di innestare su un tessuto già vivo ed in movimento di “scuola 2.0” nuovi spunti e istanze che derivano dalle recenti interazioni con il mondo del coding, del making, della didattica del fare, con specifico riferimento alla scuola primaria.

Un “kit di partenza”, fatto di mini-robot per la didattica, di strumenti per programmarli, di una serie di incontri di formazione e di un’azione di accompagnamento per i docenti che si metteranno in gioco, viene proposto ad una sessantina di scuole, che coprono tutta l’area emiliana già colpita dal sisma. Il kit, pensato agile ed essenziale per semplificare la sperimentazione con piccoli gruppi e valutare l’efficacia degli strumenti proposti (alcuni dei quali nuovissimi e appena giunti in Italia), potrà essere facilmente introdotto nella didattica quotidiana. Dopo questa fase propedeutica (…toccar con mano cose che funzionano…) si potrà infatti verificare l’efficacia della proposta, per decidere come eventualmente investire in modo più sistematico nuove risorse in questa direzione.

Link all’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia-Romagna